Verde verticale

Il verde verticale, come il tetto giardino del quale è una variante, è l'applicazione tecnologica di un elemento dell'architettura tradizionale: l'inverdimento della facciata. Da sempre, in città e in campagna, le facciate di alcuni edifici sono state ricoperte di edera o altri rampicanti, allo scopo di abbellirle o di raffrescarle.
Il verde verticale è infatti un ottimo sistema di mitigazione ambientale, in quanto forma un "cuscinetto" d'aria che protegge la facciata in inverno e la scherma in estate, migliorando anche la qualità termo-igrometrica dell'ambiente esterno.
La facciata inverdita è una facciata allegra, ravvivata dal canto degli uccelli che se ne impossessano e colorata dalle tante piante che la popolano ma è anche un'applicazione tecnologica che necessita di progettazione, esecuzione attenta un sistema di irrigazione e una manutenzione periodica.
Il verde verticale viene realizzato con diversi sistemi a seconda delle piante con le quali viene realizzato. Può essere composto da una semplice sottostruttura di cavi in acciaio inox per un rampicante ad una a di sottostruttura a sacche e sistema di irrigazione.